Basta costi nascosti: è arrivato il Prestito Zero Spese

Sono sempre di più gli italiani che chiedono prestiti per far fronte a emergenze, ma anche per pianificare nel tempo le spese. Merito soprattutto di un mercato che è molto cresciuto, moltiplicando la sua offerta e creando proposte sempre più convenienti e in grado di rispondere a tutti i bisogni. Questa crescita, tuttavia, in alcuni casi finisce per confondere i clienti meno esperti, che davanti a tante offerte diverse possono restare disorientati e scoraggiarsi. Nel rumore di fondo di slogan e promesse, e tra le tante scritte in piccolo, possono infatti nascondersi brutte sorprese.

Comparare le proposte dei competitor diventa così un percorso a ostacoli per i consumatori, soprattutto per la mancanza di chiarezza sul fronte dei costi e per la difficoltà di interpretare sigle come TAN (Tasso annuo Nominale) e TAEG (Tasso Annuo Effettivo Globale), indicatori essenziali per valutare la convenienza di un finanziamento. Oltre a fornire indicazioni sul tasso di interesse applicato, questi parametri offrono indicazioni sulle spese accessorie da pagare per ottenere un prestito, di cui bisogna sempre tenere conto per valutare la sua effettiva convenienza. Per evitare trappole è bene sapere che le spese accessorie sono di solito accorpate alle rate del finanziamento, non devono mai essere anticipate o pagate a parte e possono includere:

  • i costi di istruttoria e di apertura pratica;
  • le commissioni di intermediazione che possono richiedere gli agenti ed i mediatori.

Per chi teme di cadere nei tranelli dei costi nascosti c’è però una novità, un prestito rivoluzionario che azzera spese anticipate e commissioni, rendendo gli indicatori più facili e immediati da interpretare. Prestiter con Offerta Zero Spese garantisce un prestito dalle condizioni chiare e trasparenti: eliminando gli oneri aggiuntivi, TAN e TAEG diventano infatti praticamente uguali, con l’unica eccezione dell’imposta di bollo obbligatoria per legge di 18 €.

L’Offerta Zero Spese è riservata a lavoratori dipendenti e pensionati e garantisce tutti i vantaggi della Cessione del Quinto, un prestito sempre più popolare che offre fino a 75.000 euro a tasso fisso da restituire con piani da 24 a 120 mesi. Ecco le sue caratteristiche più apprezzate:

  • rate sempre commisurate al reddito del cliente, perché mai superiori al 20% del netto in busta paga (o della pensione);
  • restituzione attraverso trattenute automatiche dallo stipendio o dalla pensione, che cancellano il rischio di insolvenze;
  • niente garanti o ipoteche;
  • copertura assicurativa sempre inclusa;
  • pratiche telematiche semplificate per erogazioni rapide.

Chiudiamo segnalando che, grazie alle opportunità offerte dalla firma digitale, è possibile sottoscrivere l’Offerta Zero Spese in tutta sicurezza anche a distanza, senza muoversi da casa, semplicemente contattando Prestiter e chiedendo informazioni sul finanziamento che azzera le spese.

Leave a Reply